cronaca

Un boato, il black out e i pensieri al 2018: si è spento il nuovo ponte Morandi

Paura a Genova per un incidente nel cantiere del nuovo ponte Morandi. Paura tra gli abitanti di Certosa e i pensieri che sono tornati al drammatico incidente del 2018.

Il ponte di genova illuminato con il tricolore

Quando inrìtorno alle 21 si è sentito un forte boato e la luce si è staccata in tutte le zone limitrofe, in molti cittadini è subito tornato in mente l’incubo del 2018. Un boato, un lampo e poi un black out elettrico che ha lasciato al buio Certosa: un altro incidente nel cantiere del Nuovo Ponte sul Polcevera, lato levante, dalle parti di via Fillak. A provocare il corto circuito è stato il forte urto di un braccio di una delle gru del cantiere contro un filo elettrico di alta tensione da 130 mila volt. Subito dopo il terribile impatto, la zona è stata avvolta da una nuvola di fumo e la gente, spaventata, ha intasato i centralini del 112.  Sul posto si sono subito recate due squadre di vigili del fuoco della centrale di San Benigno che hanno avviato gli accertamenti per capire e ricostruire cosa è accaduto. L’area del cantiere intorno alla gru, in attesa della messa in sicurezza, è stata evacuata e tutti gli operai che stavano lavorando, sono stati allontanati.

Sul posto inviata per precauzione anche un’ambulanza del 118: ma il lampo per fortuna non ha provocato feriti. Solo tanta paura anche per il conducente della gru, rimasto chiccato dall’incidente. Per consentire la messa in sicurezza via Fillak è stata chiusa e sarò riaperta solo oggi, 10 maggio. Molta paura fra gli abitanti e i pochi commercianti nei locali, come si legge sui social, in special modo nella pagina di Certosa: una negoziante che stava sanificando il suo locale è uscita in strada con il cuore in gola, il botto si è sentito sino a Sampierdarena, in via dei Landi, molti hanno riferito di avere visto un lampo e sentito un forte boato, non manca chi ha ripensato alla tragedia del 2018.

Iscriviti - Commenta