cronaca

Coronavirus: Bimbo di 4 anni contagiato a Cremona

È successo a Motta Baluffi, in provincia di Cremona, dove un bambino di 4 anni è risultato positivo al coronavirus dopo essere stato in contatto con un adulto infetto. La curva di contagio sta calando bruscamente, ma il pericolo non è ancora alle nostre spalle. In Lombardia, in particolare, numerosi nuovi pazienti continuano a registrarsi, a volte anche tra i più giovani (fortunatamente senza conseguenze dannose).

Proprio in questi giorni, a Motta Baluffi, una città con poco meno di 1.000 anime, un bambino di 4 anni è stato sottoposto sia a tamponi che a test sierologici, il che ha portato a un risultato positivo. La valutazione è diventata necessaria a causa dello stretto contatto del minore con un adulto infetto. Non ha sintomi e sta bene, ma a causa delle circostanze, sarà isolato e costantemente monitorato.

Coronavirus: altri casi di infezione nei bambini in Lombardia

Negli ultimi mesi, il coronavirus non si è diffuso violentemente tra i bambini. Nella maggior parte dei casi, sono riusciti a guarire senza problemi. Negli ultimi mesi, la situazione di due bambini molto piccoli, che hanno dovuto affrontare Covid-19, ha sollevato preoccupazioni in Lombardia. Emily, nata il 29 febbraio all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo dopo soli 11 giorni di vita, si è trovata alle prese con il virus. Alla fine, è riuscito a sconfiggerlo dopo circa 50 giorni, alcuni dei quali sono andati in terapia intensiva. All’epoca, nello stesso ospedale, c’era un altro bambino di un anno che doveva seguire lo stesso percorso prima di poter tornare tra le braccia dei suoi genitori. Situazioni simili anche a Brescia e Milano, altre due province tagliate dal male del 2020. Pertanto, nonostante la minore predisposizione dei minori ai coronavirus, è bene tenerli al sicuro anche durante la fase 2.

Iscriviti - Commenta