cronaca

Deputato Fratelli d’Italia e lo scatto choc: donne musulmane rinchiuse in un recinto

Le foto pubblicate da Rampelli, sono destinate a creare un nuovo scandalo intorno alla religione islamica e al ruolo che questa assegna alle donne. 

Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d’Italia e vicepresidente alla Camera, ha postato alcune foto su Facebook, che faranno inevitabilmente ritornare infuocato il dibattito intorno alla religione islamica. 

Negli scatti divulgati dal politico infatti, un folto gruppo di musulmani viene immortalato mentre prega all’aperto. Il primo problema però, è che nonostante tutti loro indossino le mascherine sanitarie necessarie a proteggersi dal coronavirus, in una delle foto si vede chiaramente come la distanza di sicurezza imposta dal governo, non venga minimamente rispettata.

Ma il vero particolare delle foto in questione, destinato a far esplodere lo scandalo è un altro. In uno degli scatti postati da Rampelli, sono ritratte infatti le donne musulmane appartenenti al gruppo, “rinchiuse” in un vero e proprio recinto allestito con dei teli. 

Un tipo di segregazione impossibile da ignorare in una democrazia come la nostra. E che purtroppo, perché comunque bisogna considerare che in Italia il dibattito sull’Islam non riesce mai ad emergere con critiche esenti da un insensato razzismo, non fa altro che gettare benzina sul fuoco sui musulmani che vivono nel nostro paese. 

Resta il fatto che la foto in questione, è uno schiaffo al cuore per chi crede che le donne abbiano diritto alla stessa libertà concessa agli uomini. 

Naturalmente, gli scatti postati, sono stati accompagnati da dure critiche da parte del deputato di Fratelli d’Italia. Rampelli scrive infatti che “non si può più accettare di essere discriminati a casa propria, di vedere stravolti i nostri principi ordinatori per i quali generazioni si sono battute con coraggio, di subire divieti e sanzioni mentre cittadini stranieri violano indisturbati la legge”

Iscriviti - Commenta